Il Rosario Central rischia di essere travolto dalle accuse di discriminazione di genere che hanno coinvolto la sua dirigenza dopo la denuncia di calciatrici ed ex calciatrici della squadra femminile della compagine argentina

Il Rosario Central è una delle società iconiche del calcio argentino. Fondata nella città che le da il nome, nel corso degli anni hanno giocato tra le sue fila campioni come Mario Kempes, icone nostalgiche come Tomas Carlovich, e hanno tifato per i colori gialloblù uomini eccezionali come Ernesto Guevara de la Serna, da molti conosciuto come il Che, ancora oggi icona presente nei cori e negli striscioni delle barras bravas rosarine. Una delle celebrazioni più particolari che riguardano il Rosario si svolge ogni 19 dicembre a partire dal 1971. In quella data Aldo Poy, attaccante rosarino, segnò con un tuffo di testa una palombella che regalò alla sua squadra la finale del campionato argentino. La Palomita de Poy, come oggi si conosce quel goal, fu segnato contro gli acerrimi rivali cittadini del Newell’s Old Boys. La storia che leggerete oggi non ha niente di costruttivo, anzi rischia di cancellare la simpatia che molti nutrono verso il Rosario Central.

La denuncia di Maira Sánchez

Maira Sánchez è una calciatrice professionista che ha giocato nel Rosario Central fino al 9 novembre 2021, quando la direttrice tecnica della squadra le ha comunicato che non avrebbe più fatto parte della rosa della squadra. Una decisione che la stessa giocatrice avrebbe accettato serenamente se fosse rimasta nei confini della scelta tecnica, ma come le stessa ha raccontato sul suo profilo instragam dietro si nascondeva ben altro: una vera e propria discriminazione di genere. Infatti il suo licenziamento sarebbe dovuto a un bacio che la Sánchez si sarebbe data un bacio con una sua compagna all’interno delle strutture del club.

Le sue compagne si sono subito schierate al suo fianco e hanno diramato un comunicato che potete leggere qui. Per fortuna la questione è diventata di dominio pubblico e l’Inadi – l’ente governativo argentino che si occupa di combattere qualsiasi forma di discriminazione – fatto uscire una posizione netta, che potete leggere nelle immagini che pubblichiamo qui di seguito.

La dirigenza del Rosario Central ha fatto uscire un comunicato ufficiale cercando di mettere una pezza, che si è rivelata peggiore del buco che si era venuto a creare, dichiarando che la scelta fatta riguarda “puramente ed esclusivamente” questioni sportive.

Qui di seguito il comunicato del club

Continueremo a tenervi aggiornati sugli sviluppi di questa vicenda perché è pazzesco che ancora oggi qualcuno possa essere discriminato per un bacio

Fonti consultate:

https://www.lanacion.com.ar/deportes/futbol/rosario-central/una-futbolista-denuncio-a-rosario-central-por-discriminacion-dice-que-la-echaron-por-besar-a-una-nid29122021/

Segui le nostre live in cui trattiamo questi e altri argomenti!